Moto elettriche: Il Punto ! [ la gestione, l’evoluzione e i rumors ]

.

.
Con i campionati TTXGP nazionali USA e UK conclusi appena una settimana fa, che hanno visto trionfare rispettivamente in ordine Michael Barnes con la sua velocissima Lightning e Jenny Tinmouth con il team ufficiale Agni Suzuki , e il campionato FIM e-Power a due gare dal termine ;
Tracciamo il punto della situazione sul mondo delle competizioni elettriche a due ruote.
.
Il 2010 è stato l’anno della consacrazione delle moto elettriche , dopo un anno di apprendistato nel Tourist Trophy come tutti sappiamo , due campionati si sono avvicendati nell’organizzare il motorsport elettrico.
Il primo gestore è egrandprix noto ai più come TTXGP dopo l’esperienza del 2009 nell’isola di Man ha proposto 3 campionati nazionali rispettivamente : in America, Gran Bretagna , Italia con una finale mondiale ad Albacete, mentre il secondo campionato gestito dalla FIM con il nome e-Power ha calendarizzato un campionato in concomitanza di grandi palcoscenici sportivi come la Motogp a Laguna Seca e la SBK ad imola.
.
Andamento dei Campionati.
.
In uno sport emergente e in via di definizione è ovvio e scontato dire che due campionati sono troppi e ne sfavoriscono la crescita . Anche le vicende odierne parlano chiaro; Il FIM e-Power ha cominciato il suo campionato con pochissime moto in griglia ma ha saputo sfruttare la sua grande esperienza gestionale per migliorare la formula e sta raccogliendo delle soddisfazioni solo negli ultimi appuntamenti con griglie più folte e rilevanti interessi mediatici , diametralmente opposta la vicenda legata al TTXGP che ha inaugurato la sua gestione nel migliore dei modi con i campionati USA e UK in pieno spolvero portando in alcuni casi a delle vere rivelazioni (Lightning docet) ma poi nel finale di stagione ha subito delle pesanti disfatte come l’annullamento del campionato italiano, che abbiamo raccontato appena una settimana fa, a causa di problemi gestionali legati alla scarsità d’iscritti.
.
Tutti vogliono un solo campionato.
.
Molti appelli provenienti da America, Gran Bran Bretagna , Norvegia , Italia e via discorrendo da parte di addetti ai lavori , media ed appassionati che hanno seguito queste vicende , si sono susseguiti .
Il nostro blog come motorcafè.it ha sempre sostenuto la tesi di un singolo campionato mentre Hell For Leather qualche settimana fa ha pubblicato un eccellente articolo di Ivar kvadsheim il quale descriveva perfettamente le problematiche e le relative conseguenze di questa scissione tra gestori nel racing elettrico.
.
La repentina evoluzione dei team.
.
Nonostante le  problematiche gestionali i team si sono molto evoluti sia dal punto di vista tecnico che logistico , lo abbiamo visto sul lungo tracciato cittadino del tourist trophy come nei circuiti dove l’incremento di prestazione solamente a distanza di pochi mesi è stata notevole .
I motori cosi come le componentistiche cominciano ad essere dedicati e non più derivati di conseguenza le prestazioni in termini di tempi sul giro migliorano a vista d’occhio e gli interessi mediatici ed economici seguono questo grafico in salita .
Le squadre riescono a trovare accordi per sponsorizzazioni e partnership esempio non ultime la Betti Moto sponsorizzata da energy resources azienda leader delle energie rinnovabili e la Motoczysz autrice di accordi industriali con la bajaj e Remy international per la costruzione di auto e motoveicoli elettrici .
Siamo ben lontani da un livello professionale e di ricerca e sviluppo soddisfacenti ma le basi per una nuova disciplina motoristica si stanno ormai gettando e gli organizzatori nei prossimi anni devono far tesoro delle esperienze trascorse per favorirne l’evoluzione.
Il prossimo anno verosimilmente le moto incrementeranno nuovamente le loro prestazioni ; c’è chi le affinerà come Motoczysz e Brammo chi invece come Betti con la nuova VoltaZero motorcycles con il suo nuovo motore finanziatogli dagli incentivi statali e Mission Motors che amplierà la sua gamma con un ulteriore motosfodererà modelli completamente nuovi.
.
e-Power
.
Intanto è quasi certa la partecipazione di Brammo con la nuovissima empulse rr al gp e-Power di Imola, a conferma vi sono le dichiarazioni dei responsabili Brammo e esx motorsport che gestiscono il settore racingcerti che entro quest’anno la moto apparirà in un evento sportivo e pare proprio che il palcoscenico sportivo-mediatico ideale sarebbe quello italiano che ospiterà la SBK lo stesso week end , anche la Lightning Motorcycles ,dopo aver perso la gara di Laguna Seca negli ultimi 30 metri prima del traguardo, è molto interessata alla formula marchiata FIM ed è fra le probabili partecipanti alla gara Emiliana .
Per il prossimo anno il FIM e-Power molto probabilmente, dato il successo della formula con affiancamento ai grandi eventi sportivi, avrà tutte le sue tappe calendarizzate in concomitanza dei mondiali Motogp e SBK.
.
TTXGP
.
Mentre ci sono aggiornamenti sulla vicenda TTXGP ITA-EU , infatti dopo aver annullato il campionato nazionale italiano egrandprix ha fondato sulle ceneri di quest’ultimo il campionato EU nel quale sono previste solo due tappe rispettivamente il 24 settembre ad Assen e il 2 ottobre a Brands HatchLa scelta ,secondo gli organizzatori, è stata dettata nel favorire la logistica dei team intenzionati a partecipare che sono perlopiù tedeschi ed Inglesi.
Motoelettriche ha contattato i responsabili dei team tedeschi ,il team Munch racing ha manifestato il suo interesse tramite il suo sito mentre tutti gli altri hanno declinato l’offerta ,certa invece l’adesione confermata anche su twitter della CRP racing con la ecrp 1.2 già collaudata dall’ex campione del mondo 125 Roberto Locatelli mentre probabile la partecipazione all’evento dello squadrone ufficiale Agni e i reduci del TTXGP UK e se scrutiamo le collocazioni geografiche degli eventi il team Belga Crystalyte sarebbe il favorito nel partecipare perché avrebbe i due eventi rispettivamente ad un traghetto e poche ore di autostrada di distanza.
.
Video completo ultima gara TTXGP USA Virginia int. Raceway
.

.
Video completo ultima gara TTXGP UK Pembrey
.
.
Video onboard by team Munch FIM e-Power gp Laguna Seca
.

.
Sito Ufficiale TTXGP : http://www.egrandprix.com/
.
Sito Ufficiale e-Power : http://www.fim-live.com/
.
* errata corrige : Roberto Locatelli non sarà il pilota della ecrp 1.2 nel TTXGP EU.
* Comunicato ufficiale CRP-Racing : http://www.crp-racing.com/
.
Annunci

5 Responses to Moto elettriche: Il Punto ! [ la gestione, l’evoluzione e i rumors ]

  1. motorcafe ha detto:

    Salve a tutti ed in particolare rinnovo i miei auguri all’autore di motoelettriche con cui ho spesso piacevoli e vivaci confronti su un tema che appassiona entrambi qualee appunto è il mondo dele moto elettriche.
    Volevo solo però in questa sede esprimere una precisazione:
    E vero che condividiamo l’idea che il campionato Mondiale di Moto elettriche dovrebbe essere uno solo.
    quello che non condividiamo è a quale modello ci si dovrebbe conformare.
    Dal nostro punto di vista sarebbe andato tutto a meraviglia se la FIA fosse rimasta ai patti iniziali Azhar Hussein e non se li fosse rimangiati seduta stante… tutto sarebbe andato a meraviglia perche la gestione sarebbe stata snella , il gruppo di aprtecipanti ben nutrito , e si sarebbero piu facilmente trovate risorse per fare un mondiale come dio comanda.
    Invece la separazione dei campionati che risultati ha portato?
    un fatto è certo: la TTXGP dà visibilità ma non dà soldi.
    la epower dà soldi per partecipare alle trasferte, ma non da visibilità alcuna se non ad un pubblico di NON INTERESSATI che vedono le moto elettriche come un palloso intermezzo e che si gira i pollici in attesa che comincino le gare “vere” con i motori che fanno brum brum, e solo a laguna seca è riuscita a mostrare uno spettacolo decente come livello di competitività ma grazie alla presenza di MotoCZYSZ e Lightnight presenti UNA TANTUM solo per sfruttare l’effetto mediatico…vorrei inoltre far notare che i due team in oggetto hanno mostrato un livello di competitività inarrivabile per gli attuali leaders del campionato epower.
    in sintesi : a mio modesto avviso la formula dell’epower si è dimostrata fallimentare perche punta tutto su foraggiare i team e sul creare concomitanze con le gare di veicoli termici, con il risultato che la stampa presente IGNORA totalmente le gare dell’epower e quindi l’effetto mediatico è inesistente perche le moto elettriche non reggono il confronto mediatico. FIA oltretutto non fa nulla per rendere lo spetttacolo appetitoso ai media. qualcuno di voi sa come trovare su google il sito ufficiale dell e-power? riuscite a pescare su youtube filmati delle gare e-power? io francamente no…
    sapete che idea mi sono fatto? che l’epower in realtà è nato solo per:

    1)temporeggiare e dare una veste ecologica alla FIA
    2)togliere sponsor e risorse utili alle ambizioni di Hussein
    3)permettere ai grandi costruttori termici di guardarsi intorno… comprare a basso prezzo la tecnologia sviluppata con duro lavoro dei microteam presenti e fare debuttare “ufficialmente” le gare elettriche quando anche Honda, Suzuki , Yamaha , Ducati e compagnia decideranno di partecipare…

    al contrario invece la TTXGP se si eccettua il bug organizzativo italiano, causato inbuona parte dal fatto che nel nostro paese allo stato attuale non c’è semplicemente alcun interesse ad organizzare gare di veicoli elettrici , si è dovuto semplicemente prendere atto di questo e nel breve tempo rimasto spostare la gara ad assen e Brands Hatch con una soluzione che a mio avviso e piu che soddisfacente visto in che stato erano andate le cose…

  2. motoelettriche ha detto:

    Ringraziamo motorcafè per l’ulteriore chiarimento.
    Notiamo una precisazione onde evitare confusione ai lettori : la FIA (federazione automobilistica internazionale) menzionata nella delucidazione non è altro che la FIM (federazione motociclistica internazionale) che per l’appunto organizza il campionato e-Power.

  3. motorcafe ha detto:

    ringrazio per la precisazione… la risposta è stata scritta di getto ripetendo piu volte il refuso . Confermo il fatto che ogni volta che mi sono riferito alla FIA mi riferivo alla FIM

  4. Giuseppe Corona ha detto:

    L’ideale sarebbe tornare al passato ossia ad un campionato Fim organizzato dallo staff del TTXGP, come doveva essere a fine del 2009 dopo il successo del TTXGP al Tourist Trophy. La Fim intuì l’affare e fregò Hussain che non si perse d’animo ed organizzò la serie TTXGP. Credo che comunque nel giro di 2-3 anni ci sarà il campionato unico e questo sarà un bene per tutti.

  5. motorcafe ha detto:

    pienamente daccordo… il punto è che nei tre anni forse il campionato unico vorranno farlo con la Dorna o con Flammini coinvolgendo team ufficiali che nel frattempo avranno comprato ed assorbito buona parte dei microteam dei due campionati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: