Schleiz FIM e-Power : il team Munch domina con 3 moto sul podio e la CRP va in fiamme!

.
.
In un week end giallo come le colline ricoperte dai fiori di Colza del suggestivo tracciato tedesco la squadra di casa Munch ha dominato letteralmente la gara aggiudicandosi l’intero podio mentre la Crp registra il primo ritiro per un problema tecnico.
Sin dalle qualifiche la Crp ha sofferto degli sbalzi di temperatura del clima oltre alpino patendo un distacco dalla concorrenza di oltre 1 secondo , la squadra tedesca ha approfittanto della gara di casa per sfoderare altre due moto finite di allestire appena la notte precedente ; una delle quali la ricorderete bene perché è la XXL-Racing team che arrivò seconda al TT’ 09 .Questi sono i risultati delle qualifiche.
.
Qualifiche :
1) 49 Matthias Himmelmann – Munch team – 1:42:379
2) 44 Alessandro Brannetti – CRP Racing – 1:43:526
3) 36 Thomas Mertens- Munch team – 1:54:233
4) 18 Alexander Schulz – XXL-Racing Team – 1:56:834
.
La Cronaca:
Ottima la partenza di Brannetti che si porta in testa al primo giro seguito da un tattico Himmelmann, distaccati invece i due debuttanti Mertens e Shulz . Il duello a suon di giri record fra l‘italiano e il tedesco continua fino al terzo giro poi Brannetti a causa delle fiamme generate da uno dei due motori Agni montati sulla e-Crp 1.4 è stato costretto a fermarsi e ritirarsi . La gara ha proseguito con un solitario Himmelmann che conduceva con oltre 22 secondi su Mertens e Shulz ; mentre all’ottavo giro il numero 49 si concede anche il lusso di segnalare il giro più veloce in gara segno di grande competitività della sua moto. I problemi di gestione della batteria sofferti da Shulz non gli impediscono di arrivare al traguardo e di completare il podio tutto Munch team.
.
Conclusioni:
Ancora un problema di affabilità impedisce il duello fra la casa italiana CRP-racing e quella tedesca Munch ma questa volta ha patirne le conseguenze è stata proprio la nostra portacolori costretta a ritirarsi a causa della rottura dei tanto discussi motori Agni.
Sono accadute diverse rotture di motori Agni nelle competizioni ma fino ad ora non era mai successo che andassero in fiamme e se colleghiamo questo al “momentaneo” ritiro dalle competizioni della casa madre che li produce questi si possono tradurre come chiari segni di un ormai difficilmente colmabile gap tecnologico dei motori brushed rispetto a quelli che ad esempio equipaggiano il team Munch e tutte le squadre attualmente più competitive.
La Crp soffre ormai dal debutto di una minore potenza rispetto alla concorrenza anche per via di una diversa scelta filosofico-progettuale ma ,mentre i suoi avversari diretti come il team Munch riescono ad aumentare le loro prestazioni ed a diminuire il peso complessivo lavorando su upgrade e raffinazioni dei componenti , la tecnologia dei motori a spazzole angloindiani utilizzata dalla casa modenese non offre la stessa possibilità di incremento prestazionale perché è ormai da due anni che non riceve aggiornamenti .    
Sappiamo che CRP ha in mente per il futuro di sostituire questi componenti ma il team Munch è in testa di 20 punti e il campionato offre solo altri 3 appuntamenti per recuperare il distacco senza contare l‘esiguo numero dei partecipanti alle gare che potrebbero inserirsi fra le squadre contendenti e determinarne così una maggiore perdita di punti in classifica. La strada per una rimonta si prospetta molto ardua per Brannetti anche se arrivassero sviluppi alla eCrp 1.4 capaci di fargli vincere tutte le gare fino al termine.
.
Il prossimo appuntamento del campionato FIM e-Power sarà a Laguna Seca il 23 Agosto che ricorderete lo scorso anno è stato teatro del duello al fulmicotone fra la Motoczysz e la Lightning e inoltre grazie collaborazione fra FIM e TTXGP si potrà contare su tutti i maggiori team al mondo.
.
Classifica al traguardo:
1) 49 Matthias Himmelmann – Munch team

2) 36 Thomas Mertens- Munch team
3) 18 Alexander Schulz – XXL-Racing Team
..
Gallery by FIM:

.
Gallery by CRP-racing:
.
video del week end Crp-racing:
.
.
.
sito ufficiale FIM e-Power : http://www.fim-live.com/




Annunci

2 Responses to Schleiz FIM e-Power : il team Munch domina con 3 moto sul podio e la CRP va in fiamme!

  1. CRP Racing ha detto:

    Il team della CRP Racing cerca sempre il limite, questo lo sapete! A Schleiz i continui sbalzi di temperatura, unitamente alla voglia di vincere del nostro Branna, hanno fatto si che uno dei motori cedesse, provocando una piccola fiammata, talmente esigua che non ha danneggiato nemmeno carena e verniciatura! è rimasta bella bianca….
    Quindi solo una grande delusione per la eCRP 1.4, che aveva fatto il secondo tempo in prova, a solo 1 secondo da Matthias nonostante i nostri problemi tecnici, e dando ben 11 e 13 secondi alle altre 2 Muench.
    La nostra moto elettrica, così come il nostro Branna, sono pronti per la prossima gara!

    I motori Agni invece sono una scelta tecnica per una vera moto da corsa: ricordiamo infatti che la nostra moto eCRP 1.4 rimane inavvicinabile come leggerezza, a pari energia a bordo, e come maneggevolezza…. Una moto elettrica, così come una vettura, da corsa, e anche da strada, non si valuta solo sulla potenza, ma sopratutto sulla facilità di guida, che permette al pilota di esprimersi al meglio, e sull’agilità in staccata e in curva. Crediamo quindi che tuttora questa soluzione sia valida e competitiva.

    Il vero problema rimane la poca comunicazione relativa ai campionati, e quindi i pochi iscritti, che non permettono di istituire più classi (in gare separate) e regolamenti più sensati, che diano più peso alla sicurezza. Il peso non è solo scomodo infatti, è anche pericoloso.
    E’ da sottolineare anche che un powertrain DC ha un costo di circa uno zero in meno rispetto un powertrain AC, in media. E i costi oggi contano anche nel racing.

    CRP Racing Staff

    • motoelettriche ha detto:

      I motori Agni sono i migliori se guardiamo il rapporto prezzo\qualità e per sviluppare un motore di diversa tipologia come i brushless o a
      induzione occorre , come sottolineato da CRP , spendere molto di più forse anche
      oltre lo zero quantificato ; basti pensare che un kit da competizione UQM si aggira attorno ai 60.000 euro. Purtroppo CRP e tutti gli altri team
      italiani non hanno partners tecnici del settore che sviluppanoin pista i loro prototipi come invece avviene nelle squadre tedesche e soprattutto americane (la Parker per la Brammo – Mission Motors , la Remy Motoczysz -Lightning , la Siemens Munch team ).

      Condividiamo le valutazioni di CRP Racing sui
      regolamenti e i problemi di “comunicazione” dei campionati .
      Quest’anno la stesura del regolamento è andata proprio verso la direzione della maggior sicurezza perché il limite di 250 kg prefissato dal regolamento TTXGP – e-Power rappresenta un buon compromesso , anche se ci si è dovuti privare di
      una nuova squadra ultra competitiva come la Swigz.com.
      Speriamo che le nuove collaborazioni fra TTXGP ed e-Power portino a buoni risultati dal punto divista degli iscritti.

      Auguriamo un in bocca al lupo a CRP-Racing e a Brannetti per il campionato!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: